Intervista a Marco Cuchel e Alessandro Bettarini

Embed Code

“Non esiste più Sabato, Domenica, orari di cena. Si sta a casa ma la famiglia non la vediamo, siamo sempre chiusi in stanza a lavorare. Non abbiamo tempo di svolgere l’ordinario, siamo sempre concentrati sui temi legati all’emergenza. Spesso lavoriamo fino a ben dopo la mezzanotte. Il virus uccide, e ne uccide tanti, la categoria dei medici è quella che ne ha risentito di più. La nostra di categoria, i commercialisti, deve tenere in vita la fiducia. Se si ucide la fiducia nelle aziende, nei lavoratori, davvero da questa storia non se ne esce.” – Alessandro Bettarini, Presidente ANC Firenze

“Lo stato continua a mancare. I soldi non arrivano a parte le briciole. Le CIG non arrivano, i 25000 euro non arrivano e dovevano arrivare dopo 48 ore dall’annuncio. Ogni banca agisce come vuole. Per gli importi sopra i 25 mila euro non ne parliamo. I congedi parentali non vengono rinnovati, i genitori sono in difficoltà. L’informazione sanitaria è contradditoria, al limite dello schizofrenico. Ad indebitarsi deve essere lo stato, non le imprese e i cittadini.” – Marco Cuchel – Presidente Associazione Nazionale Commercialisti