22.06.2015, a Ferrara il convegno “STUDI DI SETTORE 2015”

Embed Code

A.N.C. Ferrara (Associazione Nazionale Commercialisti Ferrara) ha organizzato un convegno che avrà luogo Lunedì 22 Giugno 2015,dalle ore 14,30 alle ore 18,30, presso la  nuova  sala  conferenze  dell’Hotel Carlton  in  Via  Garibaldi  n.  93  a Ferrara, dal titolo  “STUDI DI SETTORE 2015”. Oggetto principale del Convegno ovviamente lo slittamento delle scadenze di Unico, è infatti nuovamente necessaria una proroga dei versamenti per i contribuenti soggetti a studi di settore. A meno di un mese dal termine dei pagamenti delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi (unico 2015 redditi 2014) , non è ancora disponibile il software Gerico 2015 nella versione definitiva che permette di calcolare gli esiti degli studi di settore. Tali ritardi comportano la necessità di far slittare i termini di versamento previsti per il 16 Giugno 2015 come successo negli scorsi anni.
“La storia si ripete” commenta il presidente di ANC Ferrara Alberto Carion “nonostante le nostre ripetute sollecitazioni nei confronti di diversi rappresentanti dell’Agenzia delle entrate , come nel corso dell’ultimo Convegno Nazionale ANC svoltosi a Ferrara lo scorso 22 Maggio, anche quest’anno continua lo stillicidio di aggiornamenti: l’ultimo rilascio – continua Carion – si è reso necessario in quanto per alcuni studi di settore NON era ancora possibile effettuare il calcolo definitivo sussistendo un errore nella procedura. Come ormai ogni anno , facciamo presente che l’impossibilità ad avere disponibili dal Ministero i programmi operativi e di controllo con u ragionevole anticipo, (e pensiamo quantomeno ai 60 giorni previsti dallo statuto del contribuente) , e la “continua modifica degli strumenti di lavoro” in corso d’opera non solo rende impossibile il rispetto della scadenza originaria – sottolinea Carion – ma se dovessero verificarsi ulteriori modifiche queste vanificherebbero di fatto anche la proroga, segnalata solo nella serata del 9 Giugno scorso. E’ infatti superfluo segnalare – conclude il presidente di ANC Ferrara – che le modifiche ai programmi ministeriali obbligano spesso ad ulteriori elaborazioni e verifiche anche di dichiarazioni magari già completate ed analizzate con il cliente.